Progetto IMPACT-Azione 02: proseguono gli incontri di Peer Education “Potenziare l’accesso alla rete dei servizi per l’integrazione”

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Proseguono gli incontri di peer education destinati agli operatori degli sportelli Impact e agli operatori CPI ASPAL, per favorire lo sviluppo di competenze, l’attivazione di nuove sinergie e l’emersione di buone prassi da valorizzare.

Gli incontri saranno realizzati nell’ambito dell’Azione 02- Promozione dell’accesso ai Servizi per l’integrazione Sportelli Informativi del Progetto IMPACT, promossi dalla Regione Sardegna (Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale) in partenariato con ExFor, IDOS e I.F.O.A e finanziati dal Fondo FAMI.

La peer education è stata ideata con l’obiettivo di contribuire a potenziare l’accesso alla rete dei servizi per l’integrazione, migliorando l’efficacia degli sportelli di informazione e orientamento presenti sul territorio. Ecco le date dei prossimi incontri in programma che, nel mese di marzo, coinvolgeranno le più importanti città dell’Isola:

  • 8 marzo: Sassari
  • 16 marzo: Nuoro
  • 24 marzo: Olbia
  • 25 marzo: Oristano
  • 30 marzo: Cagliari

PROGRAMMA

La peer education, della durata di 4 ore, sarà svolta sulla piattaforma Zoom e articolata in due parti, con una introduzione tecnica e un momento di confronto nel piccolo gruppo e la condivisione in plenaria.

La prima parte si concentrerà sulla lettura condivisa del bisogno, attivando un confronto sulla tipologia di utenza che usufruisce del servizio di informazione e orientamento e sulla tipologia prevalente di domande/bisogni che essa pone. Si intende così promuovere un approfondimento degli strumenti utilizzati dagli operatori per leggere e codificare la domanda posta dal cittadino straniero. Fondamentale, inoltre, un approfondimento sulla necessità, imposta dalla pandemia, di lavorare in smart-working e di attivare conseguentemente relazioni operatore-utente di tipo digitale: verranno presentate in merito buone prassi di settore come base di partenza per il confronto.

La seconda parte, concentrata sulla gestione efficace delle relazioni con la rete dei servizi, intende invece mettere a fuoco la risposta fornita al cittadino straniero sia rispetto ai servizi offerti dagli sportelli informativi sia in relazione alla capacità di accoglienza all’interno della rete dei servizi. Verranno fornite informazioni relative ai servizi territoriali – anche a partire da alcuni dati emersi dalla ricerca realizzata da Idos all’interno del progetto Fami Impact – che fungeranno da stimolo per analizzare la relazione tra gli Sportelli informativi e la rete dei servizi. Alla luce di quanto sopra evidenziato, anche questo tema dovrà essere riletto in chiave digitale.

Il facilitatore della Peer Education sarà Giovanni Bursi – Sociologo (IFOA).

Partner

Leggi anche

Hai bisogno di aiuto?

Hai bisogno di Aiuto?